Login

Torresani Marco

#
Torresani Marco
Torresani Marco Torresani Marco Torresani Marco Torresani Marco

Carriera

Dati biografici
Nazionalità Italia Italia
Altezza 176 cm
Peso 67 kg
Calcio Football pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Squadra Atletico Montichiari Atletico Montichiari
Carriera
Giovanili
  Cremonese Cremonese
Squadre di club1
1971-1973 Cremonese Cremonese 18 (1)
1973-1974 Torino Torino 0 (0)
1974-1975 Livorno Livorno 35 (2)
1975-1980 Parma Parma 172 (9)
1980-1981 Brescia Brescia 23 (2)
1981-1982 Pistoiese Pistoiese 44 (2)
1982-1985 Brescia Brescia 82 (6)
1985-1986 Foggia Foggia 28 (1)
1986-1988 Fiorenzuola Fiorenzuola 28+ (4+)
Carriera da allenatore
1988-1990 Fiorenzuola Fiorenzuola  
1991-1992 Teramo Teramo  
1992-1993 Legnano Legnano  
1993-1994 Vogherese Vogherese  
1994-1995 Bianco e Azzurro.svg Casalese  
1995-1997 Montichiari Montichiari  
1997-2006 Pavia Pavia  
2007-2008 Pro Vercelli Pro Vercelli  
2008-2011 Crociati Noceto Crociati Noceto  
2011-2012 Carpenedolo Carpenedolo  
2012- Atletico Montichiari Atletico Montichiari  

Giocatore

Cresciuto nel vivaio della Cremonese[2], debutta in prima squadra nel campionato di Serie C 1971-1972, sotto la guida di Battista Rota. Nella stagione successiva entra stabilmente nel giro dei titolari, disputando 17 partite con una rete, e viene acquistato dal Torino, che lo include nella formazione Primavera[2]. Nel 1974 viene ceduto in prestito al Livorno, di nuovo in Serie C[2], prima di trasferirsi definitivamente al Parma[3]: vi rimane per cinque stagioni, conquistando la promozione in Serie B al termine del campionato 1978-1979, dopo il vittorioso spareggio con la Triestina[4]. Con i crociati disputa anche la successiva stagione cadetta, conclusa con la retrocessione.

Nel mercato estivo del 1980 viene acquistato dal Brescia, a sua volta promosso in Serie A[5]. Debutta nella massima serie il 14 settembre 1980 nella sconfitta interna contro l'Avellino, e disputa 23 partite con 2 reti senza poter evitare una nuova retrocessione. Nelle annate successive milita nella Pistoiese (in Serie B), fino all'autunno 1982, quando torna al Brescia nel frattempo retrocesso di nuovo. Con le Rondinelle ottiene la promozione in Serie B nel 1985, ma non viene riconfermato e si trasferisce al Foggia, per una nuova stagione in Serie C1.

Esaurita l'esperienza foggiana, riscatta il cartellino e si trasferisce al Fiorenzuola[2][6], formazione del Campionato Interregionale che allinea diversi giocatori con un passato nelle categorie superiori (tra cui la coppia di attacco Pircher-Ascagni)[7], e di cui diventa capitano[8]. All'inizio della stagione 1988-1989 si frattura tibia e perone[2][8], dando così l'addio al calcio giocato.

Ha collezionato 23 presenze e 2 reti in Serie A e 72 presenze e 5 reti fra i cadetti.

Allenatore

La sua prima esperienza su una panchina risale alla prima stagione a Fiorenzuola, quando subentra come allenatore-giocatore all'esonerato Aldo Jacopetti ottenendo la salvezza[6]. Due anni dopo, durante la riabilitazione per l'infortunio subito a Fiorenzuola, la società esonera l'allenatore Mauro Gibellini e gli affida nuovamente la panchina[2][8]: ottiene un quarto posto e, riconfermato la stagione successiva[2][9], la prima promozione in Serie C2 della formazione emiliana.

Non riconfermato al timone della squadra[2], guida per alcuni mesi il Teramo[2] prima di ottenere una nuova promozione in Serie C2 con il Legnano: anche in questo caso non viene riconfermato[2]. Nella stagione 1993-1994 si divide tra Vogherese e i dilettanti della Casalese, sfruttando la nuova normativa federale che consentiva agli allenatori di cambiare squadra durante la stagione[2]. Dopo un biennio al Montichiari, nel 1997 passa sulla panchina del Pavia: vi rimane per nove stagioni consecutive, portando la squadra dall'Eccellenza alla Serie C1, fino all'esonero avvenuto nel dicembre 2006[10].

In seguito guida per un'annata la Pro Vercelli e per tre i Crociati Noceto, con cui nel 2009 conquista la promozione in Lega Pro Seconda Divisione[11]. Nel 2011, in seguito alla decisione della società di non iscriversi al campionato[11], rimane inizialmente disoccupato; nell'ottobre successivo viene ingaggiato dal Carpenedolo, formazione bresciana di Serie D, subentrando ad Angelo Colombo[12]. A fine stagione la formazione bresciana retrocede, e cede il titolo sportivo al neonato Atletico Montichiari, sulla cui panchina siede ancora Torresani[13].


comments powered by Disqus